BBQ Ribs (costine di maiale) al forno

by Laurel on maggio 18, 2012

In questi giorni di preludio all’estate, quando l’aria è ancora feschina ma il sole scalda già la pelle e tramonta ogni giorno più tardi, sono colta da un’incontrollabile desiderio di accendere il BBQ. Non vedo l’ora di annusare il fumo, sentire il crepitare delle fiamme, il solo pensiero mi delizia. C’è solo un piccolo problema: vivo a Milano, in città, e non ho nemmeno un balcone, figuriamoci un vero barbecue! Gli ultimi fine settimana sono stati molto intensi per il lavoro e non siamo nemmeno riusciti ad andare a rifugiarci al mare dove c’è il mio BBQ texano in giardino. Quindi, cosa può fare una texana in questo caso?

Niente paura, ho una ricetta che porterà quei morbidi sapori e delicati profumi nella vostra cucina di città, senza bisogno di giocare col fuoco! Questa ricetta si fonda sul metodo, tanto amato da noi texani, del “Low & Slow” (basso e lento), che significa che le costine vengono cotte a bassa temperatura per lungo tempo (di norma affumicandole), dando un risultato incredibilmente morbido e saporito. Dovrete preparare anche il Dry Rub, un mix di spezie secco, fondamentale per aumentare il sapore e favorire una crosta croccante. Certo, se fatte nel forno di casa le costine non saranno esattamente uguali a quelle fatte nel barbecue, ma vi assicuro che riusciranno piuttosto simili. Sono infatti facili da preparare e così gustose da mangiare che potreste arrivare a chiedervi se sarebbe valsa la pena di accendere il fuoco per ottenere lo stesso risultato!

BBQ Ribs al forno

  • Dry rub, quanto basta (ricetta segue)
  • 2 file di costine di maiale intere da circa 1,4 kg ciascuna
  • salsa barbecue

Eliminate il grasso in eccesso eventualmente presente e la membrana che ricopre le ossa del costato. Coprite tutta la superficie delle costate con il dry rub, massaggiando e premendo con le mani perché aderisca bene alla carne. Fasciate con pellicola alimentare e lasciate in frigorifero da 2 ore a una notte intera. Portate a temperatura ambiente prima di cuocere.

Scaldate il forno a 115° C. Mettete le due costate su una teglia da forno con il lato con l’osso rivolto verso basso. Infornate per un totale di circa 3 ore – 3 ore e 1/2. Dopo 2 ore e 1/2, coprite bene la teglia in modo che il vapore non esca, e continuate a cuocere. Per controllare la cottura, infilzate un coltellino o uno stuzzicadenti nella carne tra due costole; se entra molto facilmente, la carne è pronta. Quando le costate saranno quasi pronte, spennellatele con abbondante salsa BBQ e continuate a cuocere per circa 15 minuti. Togliete dalla griglia e separate le costine incidendo tra le ossa. Servite con tanti tovaglioli: niente posate.

Dry Rub

Letteralmente «massaggio secco», è un misto di sale, spezie e occasionalmente zucchero con cui si preparano certi tipi di carne prima della cottura. Il nome deriva dal «massaggio» con il quale si applica questa miscela.

  • 2 cucchiai di sale
  • 2 cucchiai di Brown Sugar (zucchero bruno) o zucchero di canna
  • 4 cucchiai di paprica dolce
  • 1 cucchiaio di peperoncino in polvere
  • 1 cucchiaio d’aglio in polvere
  • 2 cucchiaini di senape in polvere
  • 2 cucchiaini di pepe nero macinato
  • 1 pizzico di cumino

Unite tutti gli ingredienti in una ciotola. Conservate in un contenitore ermetico.

{ 65 comments… read them below or add one }

Laurel maggio 27, 2013 alle 11:08 am

Ciao Alessia! Si, devono rimanere molto morbide. Non so cosa siano le spuntature ma so che i tagli di carne in italia hanno mille nomi diversi, quindi potrebbe benissimo essere la stessa cosa. A Roma capito delle volte se qualche scuola mi invita per fare i corsi. Tengo sempre aggiornata la mia pagina facebook e questa pagina per i corsi: http://www.unamericanaincucina.com/cosa-faccio/corsi/

Luigi maggio 28, 2013 alle 1:08 pm

Ciao Laurel, complimenti per il tuo blog. Amo moltissimo le bbq ribs, vorrei sapere come prepararle in un forno normale in più volte per molte persone.
Grazie

Aldo giugno 3, 2013 alle 6:07 pm

Ciao Laurel ma se le voglio fare in un barbecue senza termometro come procedo?

Grazie.

Saluti

Laurel giugno 4, 2013 alle 10:26 am

Ciao Aldo! Nel mio libro Tex-Mex c’e’ tutto un capitolo sul BBQ, li puoi trovare tutto l’info che ti serve!

PaoloC giugno 4, 2013 alle 2:18 pm

Bella ricetta, ho ottenuto un risultato splendito.
Grazie della dritta.

sebastiano giugno 6, 2013 alle 6:15 pm

Grande! Io le faccio normalmente nel mio smoker!! Eccezzionali!!! Anche in provincia di Milano mi sono ricavato un angolo di America

Sabrina luglio 9, 2013 alle 9:13 pm

Ciao Laurel,
avrei una curiosità:
è possibile fare la salsa barbecue in casa?
Avresti una buona ricetta da darmi?

Laurel luglio 10, 2013 alle 3:35 pm

Ciao Sabrina! La ricetta della salsa BBQ la puoi trovare in due dei miei libri: La Cucina Tex-Mex e Buon Appetito America!

Luca ottobre 18, 2013 alle 2:11 pm

Ciao Laurel – domanda stupida…. il forno deve avere la ventilazione disattivata…. giusto?

Laurel ottobre 18, 2013 alle 4:40 pm

Si Luca, sarebbe meglio senza la ventola!

Lorenzo ottobre 27, 2013 alle 1:50 pm

Ciao Laurel, complimenti per la ricetta, non vedo l’ora di provarla!
Riguardo la salsa tu cosa consigli?
Una salsa più dolce che aiuti la reazione di Maillard o una piu’ acerba che accentui i sapori?

era marzo 9, 2014 alle 12:16 pm

Ciao buongiorno ,innanzi tutto complimenti per il sito sei grandiosa…
Stó meditando da tempo di far un BBQ con costine usando il forno di casa……che salsa BBQ mi consigli e dove acquistarla?
Ciao grazie

Laurel marzo 10, 2014 alle 9:10 am

Ciao! Non é male quello di Jack Daniels che si trova in alcuni supermercati. Anche Stonewall Kitchen che é da poco in Italia e si trova a Esselunga.

paoli fabio marzo 16, 2014 alle 1:17 pm

scusa in anticipo, gran cagata…….ecco perche da voi si muore a trent’anni, o a 10 anni si e’ gia malati gravemente di obesita……..troppo salate……..la morte sua alla griglia, con condimento del suo stesso grasso………….va mangiare al mc donalds……….

l

era marzo 30, 2014 alle 12:43 pm

Ciao la stessa ricetta si può utilizzare con BBQ convenzionale a carbonella?

Leave a Comment

{ 4 trackbacks }

Previous post:

Next post: