Tacchino ripieno, e illustrato

by Laurel on novembre 22, 2010

Perdonate il mio schizzo frettoloso, ma non avevo una bella foto di un tacchino, e così sarà fino a venerdì prossimo, ma volevo comunque postare questa ricetta in tempo per quelli di voi che affronteranno la cottura della “bestia” giovedì prossimo per la cena del Giorno del Ringraziamento.

Chestnut Stuffing / Ripieno di pane e marroni

  • 1,5 kg di pane bianco e nero, tagliato a cubetti di 2 cm
  • 550 g di castagne precotte e sbuciate (sottovuoto), tagliate a quarti
  • 200 g di burro
  • 4 cipolle piccole, sbucciate, a pezzettini
  • 4 coste di sedano, tritate grossolanamente
  • 3 cucchiai di salvia fresca tritata finemente
  • 1,2 litri di brodo vegetale
  • 1 cucchiaio di sale
  • 20 g di prezzemolo tritato grossolanamente
  • pepe nero macinato al momento

Distribuite i cubetti di pane in un unico strato su un paio di teglie e lasciateli seccare durante la notte, senza coprirli.

Fondete il burro in una padella capiente su fuoco medio: unite le cipolle e il sedano; cuocete, mescolando, per circa 10 minuti. Unite la salvia, poi un mestolo di brodo e cuocete per altri 5 minuti.

Trasferite il composto con la cipolla in una ciotola molto capiente. Mescolate con il brodo rimasto, le castagne, il pane, il prezzemolo, sale e pepe. Usate la farcia per riempire il tacchino, poi mettete  quella rimasta in una teglia imburrata. Infornate coperto a 180°C per 25 minuti. Scoprite e cuocete per mezzora circa, finché è ben dorato. Per 12.

Per il tacchino:

  • 1 tacchino grande (6-7 kg) – si calcola 650-700g per persona
  • 340 g di burro fuso
  • 60 g di burro ammorbidito a temperatura ambiente
  • una bottiglia di vino bianco
  • 2 cucchiaini di sale e di pepe
  • garza alimentare oppure un pezzo di stoffa sottile e pulito (tipo un vecchio lenzuolo)

Per la salsa Gravy:

  • 2-3 tazze di brodo di tacchino (o di pollo)
  • 1 tazza di vino bianco

Scaldate il forno a 200°C. Scaldate insieme il vino e il burro fuso, quindi mettete a bagno la garza in questa miscela.

Salate e pepate l’interno del tacchino. Farcite con il ripieno (ricetta a seguire) ma non riempitelo troppo. Chiudete la cavità con stecchini di legno. Legate le zampe con lo spago da cucina e ripiegate le ali sotto il tacchino.

Spalmate il tacchino con il burro ammorbidito, quindi salatelo e pepatelo. Coprite il tacchino con la garza bagnata, coprendo tutto il petto e parzialmente le cosce. Mettete il tacchino nel forno già caldo per 30 minuti, poi bagnate (con pennello o cucchiaio) la garza e tutte le parte esposte del tacchino con la miscela di burro e vino. Abbassate la temperatura a 180°C.

Ogni 30 minuti, usate un pennello per bagnare la garza e tutte le parti esposte del tacchino con la miscela di burro e vino.

Dopo due ore complessive di cottura togliete la garza e bagnate il tacchino con i succhi di cottura.

Dopo un’altra mezz’ora, cominciate a prendere la temperatura del tacchino. Inserite un termometro per la carne nel punto più spesso della coscia (vicino all’osso ma senza toccarlo). Dovrebbe segnare 75°C. Ci vogliono circa 3-4 ora di cottura in totale, in base alle dimensioni del tacchino. Toglietelo dal forno, trasferitelo su un piatto di portata (tenendo da parte la teglia con i succhi di cottura) e fate riposare a temperatura ambiente per 20-30 minuti.

In frattempo, preparate la salsa gravy: travasate con cura i succhi di cottura in una brocca e fate riposare per 1-2 minuti o finché i grassi si separano dai succhi. Eliminate il grasso dalla superficie e mettete da parte. Mettete la teglia su due fornelli e versateci metà del grasso recuperato e una tazza di vino bianco. Portate all’ebollizione, mescolando con un cucchiaio di legno, raschiando il fondo della teglia. Unite 2-3 tazze di brodo di tacchino o pollo e portate di nuovo all’ebollizione, mescolando spesso. Aggiungete i succhi di cottura sgrassati e cuocete ancora 10 minuti, girando spesso. Filtrate la salsa con un colino prima di servire.

{ 15 comments… read them below or add one }

moira martin novembre 25, 2010 alle 8:55 am

dearest laurel, martedi’ sera abbiamo anticipato thanksgiving con la tua ricetta. sul mio account fb trovi la foto!
il tacchino e’ stato mooolto apprezzato da tutti gli ospiti e soprattutto da 2 americane di ny al tavolo!
da rivedere decisamente le dosi dell’ottimo stuffing troppo sticky anche dopo le 4 ore di cottura!
grazie e buon thanksgiving for today,
moira

Laurel novembre 25, 2010 alle 10:31 pm

Braviiiii ragazzi! Sono troppo contenta che sia venuto bene il tacchino! Rivedro’ le dosi dello stuffing- ma a me non e’ mai successo che rimanesse sticky dopo ore di cottura?
Happy thanksgiving, e grazie del racconto!

Angelo dicembre 24, 2010 alle 5:50 pm

qui abbiamo un piccolo dubbio, a poche ore dalla preparazione:
queste sono due ricette, giusto?
cioé una del tacchino ripieno e l’altra del tacchino con salsa Gravy, giusto?

Laurel dicembre 26, 2010 alle 4:14 pm

Ciao Angelo! In realta’ il tacchino ripieno si serve insieme alla salsa gravy… Quindi queste sono tre ricette (il ripieno, il tacchino e la salsa gravy) per fare un piatto! Grazie, a presto!

Jessica febbraio 1, 2011 alle 12:02 pm

Ciao Laurel,
vorrei chiederti (per la ricetta del tacchino del giorno del ringraziamento): ma la salsa che tu chiami Gravy e che accompagna il piatto non dovrebbe essere una salsa con mirtilli per come dicono alcuni amici americani? (dicono anche non si trovi qui in Italia lo sciroppo o preparato di mirtilli che serve per prepararla).
O è un’altra ricetta?

Grazie

Jessica

Laurel febbraio 1, 2011 alle 12:11 pm

Ciao Jessica! Buona domanda!
Allora,ci sono due salse che si servono con il tacchino. Uno e’ la salsa gravy che prepari usando i sughi di cottura. L’altra e’ la “Cranberry Sauce” che e’ una specie di mostarda agro-dolce fatto di mirtilli rossi americani (diversi dei mirtilli vostri, e diversi anche delle ribes). Le cranberry non si trovano quasi mai in Italia, ma delle volte puoi trovare la Cranberry Sauce confezionata intorno a novembre in negozi specializzati in cibi stranieri.
Grazie per il commento! A presto!

Silvia Bowen novembre 17, 2011 alle 2:47 pm

Cara Laurel,
Grazie per la ricetta!! Ti farò sapere com’è venuto il mio turkey!!! Lol Happy Thanksgiving :0D

valentina novembre 18, 2011 alle 3:02 pm

ahahah tipica ricetta americana!!
prova a partecipare a questo concorso http://www.santacristina1946.it/stappaescatta
si vince un Ipad2!

CARMEN BASSI maggio 19, 2012 alle 10:50 pm

Hi dear Laurel,
all’Iper ho trovato i mirtilli rossi essicati………Pensi che possano andare bene per la cranberrysauce. Come riesco a fare in Italia il Viriginia Ham..? Besos
Carmen

Federica ottobre 11, 2012 alle 2:04 pm

Ciao, complementi per la ricetta (che non vedo l’ora di provare ;)) e per il blog Toglimi una curiosità: ma il tacchino lo devo disossare? Non sono riuscita assolutamente a capirlo, anche le ggendo altre ricette. Grazie ancora

Laurel ottobre 11, 2012 alle 5:47 pm

Ciao Federica! Il tacchino dev’essere assolutamente intero, con ossa e tutto!

Roberta novembre 14, 2012 alle 12:17 pm

Ciao Laurel!!!!!!!! Complimenti per il sito :-))) fa venire una gran fame e soprattutto una gran voglia di mettersi ai fornelli! Una domanda x il tacchino di Thanksgiving… Se faccio un tacchino più piccolo, diciamo la metà di quello che proponi tu… 3 kg, 3 kg e mezzo) devo dimezzare anche tutte le dosi, immagino… Ma devo dimezzare anche i tempi di cottura (non della salsa, quanto del tacchino e del ripieno)?!
Ciao!
Grazie mille

Laurel novembre 15, 2012 alle 9:35 am

Ciao Roberta,
certamente puoi dimezzare i dosi del ripieno del tacchino (ma tanto, cuoci solo una parte del ripiene dentro il tacchino, il resto lo cuoci da parte). Per i tempi invece la questione e’ piu’ complicata, non puoi semplicemente dimezzare i tempi perche’ il tacchino pesa la meta’. Devi fare sempre fiducia a un termometro con la sonda per capire quando sara’ pronto (quando segna una temperatura interna di 75°C). Dovresti cominciare a controllare per la cottura dopo circa 2 ore invece di 3.

EDOARDO dicembre 15, 2012 alle 11:44 am

Ciao, volevo chiederti ma se il tacchino in questione fosse di 14 Kg?? come faccio per dosi e tempo?

Laurel dicembre 17, 2012 alle 4:28 pm

Ciao Edoardo! Ma che bestia! I dosi sono gli stessi per il maxi-tacchino, ma i tempi più lunghi.. Ci vorranno dalle 5 ore e mezzo fino a 6 ore e mezza circa. Devi fare fiducia sempre alla temperatura interna per sapere quando sara’ pronto.

Leave a Comment

{ 1 trackback }

Previous post:

Next post: